Togliere un tatuaggio con il sale?


I tatuaggi esistono da secoli ormai e insieme ad esso la predisposizione a voler trovare un metodo per cancellarlo. Avete mai sentito parlare dell’eliminazione del tatuaggio con il sale? Se vi sembra strano o siete curiosi, vi spieghiamo subito di cosa si tratta e perché diventa una tecnica molto pericolosa.

Il tatuaggio è un segno che resta per sempre sul nostro corpo e anche le più moderne tecniche di rimozione con laser non garantiscono che non rimanga proprio nessuna cicatrice. Ora i tempi sono cambiati e rivolgendosi a professionisti è possibile anche farsi aiutare dalla chirurgia.

La salabrasione, invece, è una tecnica molto più antica che consiste nello sfregamento della zona tatuata con il sale. Ovviamente nasce come tecnica antica e poi si è sviluppata come tecnica che viene fatta anche da esperti con delle sedute durante le quali il tatuaggio viene a contatto con la soluzione salina.

In questo modo dovrebbe attenuarsi il colore del tatuaggio sino a scomparire, ma per tatuaggi grandi, dai colori intensi, il risultato non è affatto garantito. Inoltre, questi rimedi, che potrebbero essere scambiati per veloci ed economici fai-da-te, non sono affatto sicuri. Lasciare agire il sale sulla pelle significa creare un’abrasione nella zona tatuata che potrebbe dare origine ad un’infezione importante.

Se ti è piaciuto il nostro articolo non dimenticare di mettere un like alla nostra pagina facebook

Potrebbero interessarti anche...