Tatuaggio secco: è normale?

0
5130
Quando si fa un tatuaggio, che si tratti del primo o no, sorgono sempre dei dubbi inerenti alle fasi di guarigione. Un esempio può essere il notare il tatuaggio secco. Durante la fase di cicatrizzazione del tatuaggio è probabile che la pelle appaia secca e anche un po’ screpolata. È normale per tutti preoccuparsi nel momento in cui si notano dei cambiamenti nella zona tatuata. Non bisogna dimenticare che un tatuaggio è pur sempre una ferita che ha i suoi tempi per guarire. A molti capita che la guarigione duri un po’ più del previsto. Questo, quindi, deve farvi riflettere sul fatto che ogni organismo reagisce a modo proprio per la cicatrizzazione. Notare il tatuaggio un po’ o anche molto secco è sicuramente qualcosa che deve farvi pensare che la vostra pelle non è idratata abbastanza o che state usando un prodotto che non va bene. Per detergere la zona tatuata, soprattutto durante la fase di guarigione, dovete usare saponi neutri e la pomata che vi consiglia il tatuatore  che comunque è a base di pantenolo. Potrebbe capitare che anche dopo 20 o anche 30 giorni il tatuaggio appaia ancora secco. Il tutto dipende da come avete trattato il vostro tatuaggio in fase di guarigione e anche dalla conformazione della vostra pelle. Se non ci sono fastidi, basterà idratare di più la pelle anche con semplice crema idratante e aspettare che il tatuaggio sia completamente guarito.